mercoledì 31 agosto 2016

Habicht m. 3.277

Oggi meteo migliore in Austria!
Bella gita copiata da Sandro, grazie Sandro!

vai alle foto
L’itinerario:
Punto di partenza
Gschnitz (Austria), grandissimo parcheggio a pagamento (2,5 €) dietro l'albergo Feuerstein m. 1.281
Descrizione: Dal parcheggio ci si incammina per un breve tratto sulla stradina asfaltata in direzione dell'interno della valle, alla stazione della teleferica si passa sulla sua destra e quasi subito inizia il sentiero che si inerpica sù per il medesimo canalone della teleferica, teleferica che però qui non disturba il paesaggio perchè gli unici 2 piloni intermedi si trovano sotto il rifugio Innsbrucker Hütte.
Arrivati al rifugio mancano "solo" 900 metri di dislivello per la cima, ci sono 3 tratti attrezzati con funi d'acciaio e i punti esposti non mancano anche se non sono particolarmente esposti tranne i primi 10-20 metri dell'attacco finale alla vetta (anch'esso attrezzato con fune d'acciaio).
Naturalmente chi volesse suddividere su 2 giornate l'enorme dislivello di questa gita può pernottare al rifugio Innsbrucker Hütte.
Attenzione che tra il rifugio e la cima non c'è acqua...

Dislivello: m. 2.000
Traccia per GPS (autore: mcuquet)

nota: interessante il percorso scialpinistico per questa cima che non coincide con quello escursionistico (vedi traccia GPS)

domenica 28 agosto 2016

Fernerköpfl m. 3.249

vai alle foto
L’itinerario:
Punto di partenza: Anterselva di Mezzo - Eggen Höfe m. 1.345
Descrizione: Subito sopra i masi Eggen Höfe si segue per un breve tratto una strada forestale poi un cartello indicatore per il rifugio Vedrette di Ries propone una scorciatoia.
Se si parcheggia ai masi Eggen Höfe Il sentiero è il nr. 3, ci sono 10-15 posti auto e quindi se si arriva tardi conviene parcheggiare 70-80 m. più in basso nel fondovalle oppure nei pressi della stazione a valle della teleferica (in questo caso il sentiero inizialmente è il nr. 4).

L'accesso al rifugio è caratterizzato da un promontorio roccioso che si supera con l'aiuto di una lunghissimo sentiero creato a scalinate di legno e attrezzato con fune d'acciaio.
In condizioni tardo-estive e cioè come oggi senza neve e ghiaccio non ci sono difficoltà alpinistiche.
Dalla cima lo sguardo può spaziare sul ghiacciaio Vedretta di Ries Occ. e le sue cime.

Nella foto sopra anche la mucca dalla sua "cima" può ammirare il paesaggio circostante (per vedere l'album delle foto di oggi clicca sulla mucca)
Dislivello: m. 1.912
Traccia per GPS

venerdì 26 agosto 2016

Sasso Nero (Schwarzenstein) m. 3.369

vai alle foto
L’itinerario:
Punto di partenza: S. Giovanni (Valle Aurina) – Stallila m. 1.472 – parcheggio
Descrizione: Si segue la strada forestale fino alla Daimeralm m. 1.862 (un tratto di sentiero ci sarebbe ma credo che ben pochi lo utilizzino preferendo la più comoda via sterrata).
Poco prima di 2 minuscoli laghetti, a quota 2.470 credo, ci sono le indicazioni e si può scegliere se salire al vecchio rifugio Vittorio Veneto (Schwarzensteinhütte) a sinistra per il sentiero nr. 23 con la Via Ferrata Ghiacciaio/Gletscher Klettersteig (la più facile se non è presente troppo ghiaccio e neve e in genere dopo metà agosto) oppure per il sentiero nr. 23B con  la via ferrata Camino/Kamin Klettersteig (scale quasi verticali, necessaria attrezzatura da ferrata).
Oltrepassato il rifugio si sale sulla cima Felsköpfl m. 3.235, poi si attraversa un tratto di ghiacciaio quasi pianeggiante e su facili roccette si raggiunge la meta.
Per una descrizione più dettagliata vedi sul sito clubaquilerampanti.it
Dislivello: m. 1.930
Traccia per GPS